....................

I CARDELLINI

    

... ...

 

altri indigeni
 
 
 

Certo che parlare di cardellini sembra facile, in effetti, qual è il cardellini più bello?  Il Prof. De Baseggio ha scritto un libro molto bello su tutti i cardellini (edizioni "il mondo degli uccelli", telefono 0534.46479). Da quelli a calotta nera a quelli a calotta grigia, dal disegno dei Balcanici a quelli del Britannici, dal piccolo Siciliano al medio del centro Europa.

Bellissimi i libri : “il cardellino” edizioni Alcedo, e "le mutazioni del cardellino" sempre edizioni Alcedo (tel. 039.2230807).

In tanti anni mi sono capitati cardellini che avevano un nero lucidissimo e setato, oppure un nero grigiastro. Una barra alare giallo freddo oppure una quasi arancio. Un petto bianchissimo oppure con infiltrazione di bruno.

Senza parlare della mascherina: a volte maschi che sembrano femmine e viceversa. Mascherine rotonde che appena superano l’occhio e mascherine quadrate enormi quasi come un diamante di Gould. E che dire di quei rari soggetti con un archetto rosso dietro la nuca subito dopo la fascia nera?

Sicuramente particolari quelli con la mascherina pezzata (ottimi per produrre ibridi chiari).

E questo solo per parlare dell’ancestrale. Se poi vogliamo parlare delle varie mutazioni,  be………. per il momento pensiamo ad allevarne tanti, perché fra 50 anni di questo passo il nostro prediletto farà la fine del cardinalino del Venezuela (allegato A convenzione di Washington = in via di estinzione).

LE VARIE SOTTOSPECIE DI CARDELLINI

 Sottospecie con calotta grigia (vertice e occipite grigi)

 

1.    Carduelis c. caniceps: Afghanistan, Kashmir, Pakistan, zone meridionali dell’Asia centrale, del Tadzhikstan e della Turkmenia, Nepal e ovest dell’Himalaya.

2.    Carduelis c. paropanisi: Afghanistan, sud-est Iran, Asia centrale, nord-ovest Sinkiang, est di Thien Shan e Dzungarian Ala Tau, Cina.

3.    Carduelis c. subulata: nord circa 60 N dalla Siberia, centro meridionale a est Lago Baikal e zone meridionali dell’Altai, nord-ovest Mongolia.

4.    Carduelis c. ultima: sud-est Fars e Kerman, Iran meridionale. 

(Nelle aree confinanti fra le varie sottospecie si incontrano meticci). 

 

DIMENSIONI

La lunghezza totale, dalla punta del becco alla punta della coda varia da un minimo di cm. 12 (Carduelis c. parva) a un massimo di cm. 15,5 (Carduelis c. major).

Sottospecie con calotta nera(vertice e occipite neri)

 

1.    Carduelis carduelis carduelis: da nord a sud della penisola Scandinava, sud-ovest Finlandia, est monti Urali, ovest e centro europa, Pirenei, nord-est Italia,ex-Jugoslavia centrale, Ungheria, Romania fino al mar Nero.

2.    Carduelis c. balcanica: sud ex-Jugoslavia (Dalmazia Macedonia) Albania,sud della Tracia, Bulgaria, Romania, Creta e Grecia.

3.    Carduelis c. brevirostris: Crimea, Caucaso, nord-est Turchia, Azerbadjian, nord-ovest Iran.

4.    Carduelis c. britannica: Belgio, Paesi Bassi, Gran Bretagna, Isole Channel; inoltre Bermude, Australia e Nuova Zelanda (furono importati dagli inglesi).

5.    Carduelis c. colchicus: pendii sud-ovest del Caucaso, Crimea.

6.    Carduelis c. loudoni: Iran settendrionale, sud del Caucaso.

7.    Carduelis c. major ( o Frigoris): Siberia, Altai ovest, est degli Urali, fiume Yenisei e sud Semipalatinsk, Zaysan e Kazakhstan settendrionale.

8.    Carduelis c. niediecki: Egitto settendrionale, nord Sinai e delta del Nilo, Karpathos, Cipro, Libano, Israele meridionale, sud Siria, Rodi, Turchia, Irak sett., Iran.

9.    Carduelis c. parva: isole Canarie, Madera, Azzorre, sud dei Pirenei, isole Baleari, sud-ovest Francia, sett. Algeria, Libia, Tunisia, Marocco.

10.          Carduelis c. tschusii: Sicilia, Corsica, Sardegna, isola d’Elba.

11.          Carduelis c. volgensis: Ucraina meridionale, nord-est Romania (in inverno), sud-est Russia europea.

ALCUNI CANTI DI CARDELLINI

(attendere caricamento)

 
telefono 339.8107322

A volte questo sito potrebbe non essere visibile per superamento del traffico messo a disposizione da Altervista. E' sempre disponibile sul sito: http://www.francomonopoli.it/ (più aggiornato)